Il teatro abitato di Avigliana

tab

È stata presentata la stagione teatrale 2013-2014 del teatro comunale Fassino di Avigliana, la seconda, da quando la sala valsusina è diventata residenza permanente di Teatro Abitato, la comunità teatrale composta da Piccola Compagnia della Magnolia, Crab Teatro e O.P.S. Officina Per la Scena. Quella di quest’anno è una programmazione più articolata , che fa tesoro dell’esperienza della scorsa stagione e inanella sedici spettacoli proposti in orari diversi a seconda della fascia di pubblico cui sono rivolti: appuntamenti serali, nel week end, per il pubblico della prosa; pomeridiane domenicali per le famiglie, e matinée per le scuole del territorio. Si spazia dai grandi classici alla Commedia dell’Arte, dalla drammaturgia contemporanea al Teatro di Ricerca al Teatro-Danza.
Numerosa la presenza di alcune tra le più attive e interessanti formazioni del territorio con spettacoli già rodati o freschi di debutto; tutte, seppur con poetiche e modalità artistiche differenti, tese a rappresentare un teatro in grado di rivolgersi alla contemporaneità, capace di parlare dell’oggi rielaborando antichi miti e sperimentando forme espressive che nella ricerca dell’innovazione non precludano lo scambio necessario e fecondo con il pubblico. La stagione si inaugura venerdì 8 novembre alle 21 con “Io Regno-The Show” di OPS che trae spunto da “Stato d’assedio” di Albert Camus per stigmatizzare la volgarità dell’intrattenimento becero, della rincorsa al successo a ogni costo, all’omologazione che annienta e vanifica ogni valore individuale: uno spettacolo che rifà il verso al varietà per giocare, tra musica e danza, sul crinale che divide la realtà dalla finzione.
Seguiranno “La casa di Bernarda Alba” di Garcia Lorca nella versione onirica ed efficace della Piccola Compagnia della Magnolia, “Gli innamorati” di Goldoni proposto da Il Mulino di Amleto con Nello Mascia, “Straccioni” di Tiziano Scarpa per l’Accademia dei Folli, il nuovo lavoro del Laboratorio di Ricerca sull’Arte dell’Attore di Domenico Castaldo con l’attrice etiope Saba Anglana e le musiche di Fabio Barovero.
E poi ancora Crab Teatro con “Studio Caino”, Sudate Storie con “Omero hardcore”, Tecnologia Filosofica con “Comuni marziani”, il Collettivo Mo.lem con “Tricher” e gli spettacoli per bambini e famiglie di Santibriganti, Assemblea teatro e Liberi Pensatori Paul Valery.
Da quest’anno inoltre, a invogliare uno scambio più diretto tra artisti e pubblico, è previsto al termine di ogni spettacolo “L’angolo dello spettatore”, breve incontro con gli attori della Compagnia ospite.
La stagione aviglianese è realizzata in collaborazione con il Comune di Avigliana e con il sostegno della Provincia di Torino e del Sistema Teatro Torino e Provincia.
Maggiori info su www.teatroabitato.it

Monica Bonetto

You may also like...