Alla casa del teatro!

Si inizia con il ritorno di Nino D’Introna sulle scene torinesi l’ottava stagione della Casa del Teatro Ragazzi e Giovani. L’attore e regista, già fondatore del Teatro dell’Angolo e della stessa Fondazione TRG è da anni ormai il direttore artistico del Thèatre Nouvelle Génération di Lione; il suo ritorno porta con sé la prima nazionale de “Il paese dei ciechi”, spettacolo tratto da un racconto dello scrittore britannico Herbert George Wells che negli Anni Novanta lo stesso D’Introna aveva allestito in altra versione per il Teatro dell’Angolo. Il nuovo allestimento, dopo il debutto in Francia, giunge il 26,27 e 28 ottobre adattato in lingua italiana e con la musica suonata dal vivo dal gruppo torinese dei Supershock.
La stagione poi prosegue sino ad aprile con un lungo dispiegarsi di spettacoli nel quale trovano spazio vecchi e inossidabili successi targati Trg come “Pigiami” ( giunto al trentesimo anno di repliche),“La favola della bellezza” ( terzo capitolo di “Favolosofia” della coppia Buonarota-Pisci) “Orsetti” con Erica Guarino e Vanni Zinola, e alcune altrettanto amate e rodate produzioni di Compagnie del territorio come “Gianni detto Burrasca” di Assemblea Teatro, “Ernesto roditore guardiano di parole” di Nonsoloteatro e “Da grande” di Onda Teatro, vincitrice del Premio Giocateatro 2011. A proposito di quest’ultimo inoltre, compaiono in cartellone tre spettacoli dell’ultima edizione: “La gatta Cenerentola” di Oltreilponte( che si è aggiudicato il primo premio), “Marco Polo e il viaggio delle meraviglie” della Fondazione TRg ( premio della giuria dei bambini)e “La pecora nera” di Teatro Distinto e “YoYo piede ruota” di Santibriganti Teatro ( entrambi menzionati dalla giuria).
Immancabili poi Milo e Olivia, in coproduzione con la TRG, presenti con “Quisquilia”, “Kolòk” e il nuovo e atteso “Twiribò” al debutto a marzo. Debuttano inoltre,a febbraio, “Primo”, di e con Alfredo Zinola e Felipe Gonzales, e nell’edizione 2013 di “Giocateatro” anche il nuovo spettacolo di Alessandro Pisci e Pasquale Buonarota intitolato “Il re pescatore-la leggenda del tempo”.
Per Carnevale Sivano Antonelli propone il suo trascinante “Canzoncine alte così”; La bonaventura offre per i più piccoli “Babù e il bosco dei profumi” e per i più grandicelli “Per questo!” dal libro di Luigi Garlando su Giovanni Falcone.
Infine, tra le Compagnie ospiti provenienti da altre regioni italiane, il TPO di Prato, l’Associazione Fresche Frasche di Milano (per il Capodanno in famiglia), la Piccionaia di Vicenza, il Teatro del Piccione e il Teatro della Tosse di Genova, l’Accademia perduta di Ravenna, la Fondazione Aida di Verona.
Un ultimo dato, che forse dice più di qualsiasi sterile polemica: nella passata stagione la Casa del Teatro Ragazzi ha avuto complessivamente 31.341 spettatori.

casateatroragazzi.it

Monica Bonetto

You may also like...