Nouveau

Si può definire una formula ormai consolidata quella di “Nouveau” , la rassegna che la Fondazione Circuito Teatrale del Piemonte, il Sistema Teatro Torino e Provincia hanno ideato per offrire una panoramica sugli allestimenti più interessanti offerti da giovani Compagnie. La scommessa è stata duplice: far conoscere al pubblico di provincia opere altrimenti poco raggiungibili, e al contempo far scoprire ai torinesi (grazie anche alla navetta che parte da piazza Vittorio e accompagna gli spettatori comodamente a destinazione e ritorno) incantevoli sale teatrali del territorio.
Come ad esempio il Teatro Selve di Vigone, autentico gioiello ottocentesco di “teatro all’italiana” con pianta a ferro di cavallo, due ordini di palchi e il loggione per un totale di 240 posti, già toccato da altri 3 appuntamenti della rassegna e ora ospite lunedì 18 aprile del quarto e ultimo spettacolo: “Woof! Un melòpunk”, della Compagnia ( di Casale Monferrato) Blusclint.
Il teatro, restaurato e inaugurato nel 2007, è sede di una vivace stagione teatrale organizzata dalla Fondazione CTP cui si affianca una altrettanto ricca programmazione di teatro amatoriale. “Siamo soddisfatti della risposta del nostro pubblico, sebbene quest’anno la programmazione abbia proposto alcuni spettacoli non così “facili” e di immediato coinvolgimento dello spettatore- ha affermato Fabio Cerato, assessore alla Cultura del Comune di Vigone.- Quella di “Nouveau” è un’esperienza sicuramente da ripetere, magari diluendo meglio la programmazione lungo l’intera stagione. E’ un’ottima occasione che affianca ai grandi nomi, interessanti opere di giovani artisti ” .
La serata, impreziosita anche dal goloso preludio gustato al Convivium, locale raffinato e accogliente nel quale è stato offerto agli spettatori giunti con la navetta un aperitivo con prelibati e copiosi stuzzichini, ha goduto anche di un inaspettato diversivo. L’inizio della rappresentazione infatti è stato funestato da un piccolo guasto tecnico che ha costretto Paolo Faroni, autore e interprete del monologo in scena , a intrattenere gli spettatori svelando ottime doti da improvvisatore. Il vivace e sagace scambio di battute tra pubblico e attore ha divertito e coinvolto, predisponendo ancor meglio alla visione dello spettacolo, una storia d’amore noir illuminata da folgoranti squarci di poesia.
Premiata da grandi applausi la prova di Faroni, intenso e convincente.
Ultimi due appuntamenti di “Nouveau”, il 7 e 14 maggio al Teatro Bertagnolio di Chiaverano.

Monica Bonetto

You may also like...